2 Gen '17

program1

Giornalista, scrittrice blogger, laureata in Letteratura Musica e Spettacolo, BM di EBINetwork, referente per il Programma Personal Shopper. Per informazioni inviare una mail a scriviallaredazione@gmail.com con oggetto: Programma Personal Shopper.

0 Shares

Cos’è ecopiuma e a cosa serve

Ecopiuma

Sai cos’è ecopiuma e a cosa serve? Da dove nasce? Di cosa è fatta? Un viaggio all’interno dei piumini per capire di cosa sono fatti.

Piumino d’oca

Il piumino con vera piuma d’oca è sempre stato molto popolare. I migliori sono sempre stati quelli delle grandi firme, di quei marchi prestigiosi che le persone si ostinano sempre a comperare. Non solo per la qualità del capo quanto perchè il marchio, le grandi firme, forniscono lo status quo.

Come dire, lo stato sociale.

Quando ero ragazzina io esistevano i paninari. Indossavano Moncler e Timberland. Se non li indossavi non eri nessuno. Una mia amica, che non poteva permetterseli, ma si sentiva da meno, si inventò persino la storia che appena dopo averli comprati glieli avevano rubati ed era dovuta tornare a casa scalza.

Certo, girava voce che te li rubassero di dosso, ma la sua era proprio un’invenzione così palese da renderla ridicola.

Ultimamente alcune famose marche sono salite alla ribalta per video in cui apparivano le oche spiumane. Uno spettacolo davvero raccapricciante e una perdita di immagine non indifferente.

Ma vediamo di capirci qualcosa.

Solo le oche e le anatre forniscono il miglior piumaggio ed è più morbido se strappato ai piccoli. Il piumino d’oca o fiocco è soffice batuffolo che ha un’elevata morbidezza e viene utilizzato appunto per i piumini. Solo che viene strappato a mano a piccoli cuccioli cresciuti in allevamenti.

Nascono e crescono solo per fare questa orribile fine.

Ovatta in poliestere

Per ovviare a questa barbarie c’è l’ovatta in poliestere, che però è fortemente inquinante. Con questa ovatta sono fatte la maggior parte delle imbottiture dei piumini che non sono in piuma d’oca.

Nasce l’ecopiuma doc

Il nome dell’ecopiuma è plumtech ed è un marchio registrato. Si tratta di un’ovatta di cotone finissima che viene adoperata per prodotti con il marchio Save the Duck. Questo materiale ricrea la sofficità della piuma garantendo un’imbottitura termica, ma senza far uso di piume d’oca o di anatra.

Save the duck

Quindi nessuna atrocità sugli animali.

Il Plumtech è anche traspirante e garantisce la dissipazione del calore in eccesso, prodotto durante le attività sportive e non.

Essendo ovatta di cotone è naturale, non ingombra, non si gonfia, garantendo libertà di movimento e leggerezza. Viene utilizzato per produrre piumini ecologici cruently free. Il che significa che non vengono inflitte crudeltà sugli animali per produrli.

Dov’è nato il Plumtech

La società Altana SpA, azienda specializzata nella produzione di ai abbigliamento per bambini, solo pochi giorni dopo che la Rai ebbe mandato in onda il video con lo sterminio e lo spennaggio di oche e anatre, ufficializzava l’acquisto del marchio Save the Duck della Forest.

Questo marchio e i capi prodotti con il plumtech erano stati immessi sul mercato nel 2012 da Nicolas Bargi.

La Antana produce un proprio marchio (Brest) e per conti di altri famosi brand.

Altre realtà ecologiche

Ci sono anche altre realtà brevettate che offrono imbottiture per piumini.

E se ti stai chiedendo se l’ecopiuma tiene caldo posso risponderti io!

Certo che tiene caldo e molto più della piuma. Se non sei convinta non hai che da provare. Però ti posso assicurare che le imbottiture ecologiche tengono molto caldo, a volte anche più della piuma e non hanno nulla da invidiare in quanto a leggerezza.

Buona giornata a tutte le Fashion Blogger e ai Fashion Addict.

Trovi Programma Personal Shopper su Facebook, Google+, Twitter, Instagram,Tumblr,Pinterest. Puoi seguirci sui social network e seguire anche il Blog attraverso Bloglovin’ o via mail.

About program1

Giornalista, scrittrice blogger, laureata in Letteratura Musica e Spettacolo, BM di EBINetwork, referente per il Programma Personal Shopper. Per informazioni inviare una mail a scriviallaredazione@gmail.com con oggetto: Programma Personal Shopper.

Related Posts

Lascia un commento